Articoli Medicina del Lavoro - P&R Scientific
Volume 2, Numero 4
28.12.2012
SOVRACCARICO MECCANICO DELL’ARTO SUPERIORE E LAVORATORI ESPOSTI.
 
 
Sancini A, Tomei F, Tomei G, Di Pastena C, Sinibaldi F, Scala B, Capozzella A, De Sio S, Palermo P, Bombelli F, Nardone N, Andreozzi G, Cetica C, Corbosiero P, Ciarrocca M

Autori   [Indice]

Sancini A1, Tomei F1, Tomei G2, Di Pastena C1, Sinibaldi F1, Scala B1, Capozzella A1, De Sio S1, Palermo P1, Bombelli F1, Nardone N1, Andreozzi G1, Cetica C1, Corbosiero P1, Ciarrocca M1

1Dipartimento di Anatomia, Istologia, Medicina Legale e Ortopedia, Unità di Medicina del Lavoro (Dir: Prof. F. Tomei), “Sapienza” Università di Roma
2Dipartimento di Neurologia e Psichiatria, “Sapienza” Università di Roma

Available from:
http://journal.preventionandresearch.com/index.php?PAGE=articolo_dett&ID_ISSUE=736&id_article=6351

Abstract   [Indice]

Introduzione
Molti disturbi e patologie degli arti superiori presentano un’elevata correlazione con la frequenza di microtraumi e l’assunzione di posture incongrue a carico degli arti superiori, dovute ad attività eseguite con ritmi continui e ripetitivi.

 
Obiettivi
Scopo dello studio è valutare la presenza di sintomi a livello dell’arto superiore correlati con i movimenti ripetitivi e la tensione muscolare.
 
Metodi
E’ stato somministrato un questionario clinico-anamnestico ad un gruppo di lavoratori.
Le differenze tra le medie ottenute sono state valutate mediante il test t di Student e la frequenza delle singole variabili è stata poi confrontata usando il test del Chi-quadrato di Peason di Yates, utilizzando il programma Solo BMDP Statistical Software.
 
Risultati
Gli operai hanno mostrato una maggiore incidenza di malattie rispetto agli impiegati.
E’ stata notata inoltre una differenza significativa tra i parametri registrati prima del turno di lavoro e quelli registrati alla fine tra gli operai, ma non tra gli impiegati.
 
Conclusioni
Dai risultati ottenuti si evidenzia che lo svolgimento di attività richiedenti uno sforzo fisico elevato e caratterizzate da ripetitività e assunzione di posture incongrue può effettivamente portare allo sviluppo di sintomi a livello degli arti superiori.   

Parole chiave: elettromiografia di superficie (SEMG), disturbi dell’arto superiore, forza muscolare

Autore di riferimento   [Indice]

Gianfranco Tomei
Dipartimento di Neurologia e Psichiatria, “Sapienza” Università di Roma