Scovato micro-esercito cellule anti-cancro


Scoperta una preziosissima e rara famiglia di cellule immunitarie che potrebbe entrare in gioco per contrastare molti tumori: in presenza di queste rare cellule - chiamate 'dendritiche CD103+' - un paziente oncologico ha sempre maggiori chance di guarigione. Ciò è vero per molti tipi di tumore tra cui il cancro al seno. Secondo lo studio condotto da esperti della Università di San Francisco, si tratta di una scoperta importante perché queste cellule potrebbero essere attivamente sfruttate in nuove terapie anticancro.
I tumori non sono tutti uguali e l'esito di un cancro - la guarigione o meno - può cambiare da un paziente all'altro anche se con malattie apparentemente molto simili.

Gli scienziati californiani hanno scopertoperò un motivo per cui la prognosi di un paziente può essere più o meno favorevole: studiando 3.600 campioni umani di 12 tumori diversi, i ricercatori hanno isolato in alcuni pazienti questa rarissima famiglia di cellule di difesa. Hanno poi constatato che ogni qualvolta che queste cellule sono rilevabili in un tumore, è più probabile che il paziente ne uscirà guarito riuscendo a sconfiggere la malattia.
I ricercatori hanno compreso che le 'cellule dendritiche CD103+' sono un 'micro-esercito' in grado di organizzare un attacco mirato al cancro attraverso il reclutamento di altre cellule alleate. Purtroppo in quei pazienti che non ne sono dotati, questo attacco non può partire e quindi il paziente non ha le stesse chance di reagire al male che l'ha colpito.
Secondo i ricercatori la scoperta potrebbe aprire la strada a nuove immunoterapie mirate potenziando queste cellule laddove già presenti o magari un giorno preparandole in provetta per quei pazienti meno fortunati che non le hanno in dotazione.

Fonte: 
http://www.cell.com/cancer-cell/home

Simone De Sio

Alessandra Di Marzio