Articoli Patologia generale - P&R Scientific
Volume 2, Numero 4
28.12.2012
RECENTI SCOPERTE NELLA FISIOPATOLOGIA DELL’ALBERO BILIARE: INFLUENZA DEGLI ORMONI SESSUALI SULLA PROLIFERAZIONE COLANGIOCITARIA.
 
 
Mancinelli R, Onori P, Renzi A, Franchitto A, Carpino G, Francis H, Glaser S, Alpini G, Gaudio E

Autori   [Indice]

Mancinelli R1, Onori P2, Renzi A1, Franchitto A1-4, Carpino G3, Francis H5, Glaser S5,
Alpini G5, Gaudio E1

Dipartimento di Scienze Anatomiche, Istologiche, Medico Legali e dell’Apparato Locomotore,
“Sapienza” Università di Roma, Italia
2  Dipartimento  di Medicina Sperimentale, Università di L'Aquila, Italia
3  Dipartimento di Scienze della Salute, Università di Roma "Foro Italico", Italia
4  Fondazione Eleonora Lorillard Spencer-Cenci, Roma, Italia
5  Scott & White Digestive Disease Research Center, Texas A&M Health Science Center,
 College of Medicine, USA


Available from:
http://journal.preventionandresearch.com/index.php?PAGE=articolo_dett&ID_ISSUE=736&id_article=6356

Abstract   [Indice]

I colangiociti sono cellule epiteliali che rivestono l'albero biliare (1). L'albero biliare intraepatico è caratterizzato da una rete di dotti interconnessi, inizia con i canali di Hering, continua nei dotti intraepatici di diametro crescente per finire a livello dei dotti biliari extraepatici (2). Queste cellule svolgono un ruolo chiave nella secrezione di acqua e bicarbonato durante il processo di formazione della bile. Esse sono anche il bersaglio di diverse malattie colestatiche croniche del fegato (chiamate colangiopatie), tra cui la colangite sclerosante primitiva (PSC), la cirrosi biliare primitiva (PBC), la malattia policistica del fegato (PCLD) e il colangiocarcinoma (CCA) (3, 4, 5). In queste condizioni, viene perso l'equilibrio tra proliferazione/morte dei colangiociti con effetti negativi sul mantenimento delle funzioni biliari e della massa dei dotti intraepatici (4, 6, 7). Questa è una situazione che si verifica in particolari condizioni sperimentali, come ad esempio con la legatura del dotto biliare principale (BDL) (Fig.1). Dopo BDL, c'è iperplasia biliare e coleresi stimolata da secretina (un marcatore funzionale di crescita colangiocitaria) (6, 8). La crescita/morte dei colangiociti è regolata da diversi fattori, tra cui fattori di crescita, citochine, ormoni gastrointestinali e sessuali, quali estrogeni, prolattina, ormone follicolo-stimolante (FSH), testosterone e progesterone (4, 9, 10, 11). Lo scopo di questa review è quello di riassumere le recenti scoperte sugli effetti degli ormoni sessuali nella fisiopatologia dei colangiociti, cercando di chiarire i meccanismi d'azione di queste sostanze per fornire nuove potenziali strategie terapeutiche nella gestione delle malattie croniche del fegato.

Parole chiave: fegato, colangiociti, albero biliare

Autore di riferimento   [Indice]

Eugenio Gaudio

Dipartimento di Scienze Anatomiche, Istologiche, Medico Legali e dell’Apparato Locomotore,
“Sapienza” Università di Roma, Italia