Articoli Medicina del Lavoro - P&R Scientific
Volume 4, Numero 1
31.03.2014
NICKEL URINARIO E CORTISOLO PLASMATICO IN LAVORATORI ESPOSTI A STRESSORS URBANI
 
 
Rosati MV, De Sio S, Di Giorgio V, Loreti B, Casale T, Bonomi S, Massimi R, Suppi A, Sacco C, Nieto HA, Andreozzi G, Nardone N, Di Marzio A, Marrocco M, Tomei F, Sancini A

Autori   [Indice]

Rosati MV1, De Sio S1, Di Giorgio V1, Loreti B1, Casale T1, Bonomi S1, Massimi R1, Suppi A1, Sacco C1, Nieto HA2, Andreozzi G1, Nardone N1, Di Marzio A1, Marrocco M1, Tomei F1, Sancini A1

1Dipartimento di Anatomia, Istologia, Medicina Legale e Ortopedia, Unità di Medicina del Lavoro, “Sapienza” Università di Roma
2 Catedra Libre Salude y Seguridad en el Trabajo, Facultad de Medicina, Università di Buenos Aires, Argentina

Abstract   [Indice]

Introduzione: l’inquinamento urbano è associato a numerose patologie; il nichel (Ni) è un agente tossico presente nell’aria urbana.

Scopo: Scopo dello studio è verificare se, in lavoratori outdoor esposti ad inquinanti urbani, l’esposizione alle basse dosi di nickel presenti nell’aria urbana possa avere effetti sui livelli di cortisolo plasmatico.

Materiali e metodi: 374 lavoratori sono stati sottoposti a campionamento urinario cortisolo Ni e plasma. Sul campione totale sono stati eseguiti il test di Mann-Whitney e il test di Kruskal Wallis. Il Coefficiente di correlazione di Pearson  è stato valutato sia nel campione totale che dopo la stratificazione per sesso, abitudine al fumo e lavoro. La regressione lineare multipla è stata eseguita dopo aver tenuto conto dei principali fattori di confondimento sul campione totale e per le sottocategorie.

Risultati: I test statistici hanno evidenziato una correlazione negativa tra livelli di nickel urinario e valori di cortisolo plasmatico sia nel campione totale che nei sottogruppi.

Conclusioni: Si può ipotizzare che l’esposizione occupazionale alle basse dosi di nickel presenti nell’inquinamento urbano sia in grado di influenzare i livelli di cortisolo nei lavoratori esposti.

Parole chiave: lavoratori outdoor, monitoraggio biologico, dosimetrie, interferenti endocrini


Available from:
http://journal.preventionandresearch.com/index.php?PAGE=articolo_dett&ID_ISSUE=743&id_article=6410

Autore di riferimento   [Indice]

Prof. Francesco Tomei
Dipartimento di Anatomia, Istologia, Medicina Legale e Ortopedia, Unità di Medicina del Lavoro, “Sapienza” Università di Roma


Commenti / Richieste di informazioni
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
  Invia