Articoli Medicina del Lavoro - P&R Scientific
Volume 3, Numero 1
29.03.2013
Movimentazione manuale dei pazienti: valutazione di alcuni parametri clinico-anamnestici in operatori sanitari
 
 
Caciari T, De Sio S, Capozzella A, Tomei G, Nieto HA, Sancini A, De Rose E, Rinaldi G, Di Pastena C, Scala B, Chighine A, Andreozzi G, Nardone N, Tomei F, Ciarrocca M

Autori   [Indice]

Caciari T1, De Sio S1, Capozzella A1, Tomei G2, Nieto HA3, Sancini A1, De Rose E1, Rinaldi G1, Di Pastena C1, Scala B1, Chighine A1, Andreozzi G1, Nardone N1, Tomei F1, Ciarrocca M1

1Dipartimento di Anatomia, Istologia, Medicina Legale e Ortopedia, Unità di Medicina del Lavoro, “Sapienza” Università di Roma
2Dipartimento di Neurologia e Psichiatria, “Sapienza” Università di Roma
3Catedra Libre Salude y Seguridad en el Trabajo, Facultad de Medicina, Universidad de Buenos Aires, Argentina


Available from:
http://journal.preventionandresearch.com/index.php?PAGE=articolo_dett&ID_ISSUE=737&id_article=6363

Abstract   [Indice]

Introduzione
La movimentazione di pazienti ospedalizzati svolta da varie figure professionali, principalmente infermieri ed ausiliari, viene effettuata, essenzialmente, per i soggetti che presentano ridotte o assenti capacità deambulatorie. Lo svolgimento di questa attività espone gli operatori a rischio di lesioni soprattutto del tratto dorso-lombare del rachide. Risulta fondamentale quindi ridurre il rischio connesso alla movimentazione manuale dei pazienti, mediante l’introduzione di procedure corrette e di ausili, l’adeguamento delle strutture, la sorveglianza sanitaria e la formazione degli addetti. L’indice Mapo è  un indice sintetico per la valutazione del rischio della Movimentazione Manuale dei Pazienti (MMP) e permette di dare una valutazione quantitativa del livello di rischio degli operatori sanitari.
 
Obiettivi
Valutare l’incidenza di patologie muscolo scheletriche a carico del rachide in popolazioni esposte con classi di rischio differenti, correlandola con l’indice MAPO valutato per ognuna delle classi di rischio.
 
Metodi
Sono stati individuati un gruppo di 53 soggetti di sesso maschile più esposti e un gruppo di 26 soggetti di sesso maschile meno esposti; un gruppo di 72 soggetti di sesso femminile più esposti e un gruppo di 36 soggetti di sesso femminile meno esposti. I due gruppi di sesso maschile sono stati resi paragonabili per età, anzianità lavorativa, BMI e attività sportiva; lo stesso procedimento è stato applicato per i due gruppi di sesso femminile. E’ stata utilizzata la classificazione relativa alle spondiloartropatie (SAP) indicata dalle Linee Guida SIMLII per la prevenzione dei disturbi e delle patologie muscolo-scheletriche del rachide da movimentazione manuale dei carichi.
 
Risultati
Tutti i risultati ottenuti, confrontando media e deviazione standard, hanno una p>0,05, quindi non significativa. Il confronto effettuato mediante il test del χ-quadro, non ha evidenziato alcuna significatività per quel che riguarda il confronto tra i due gruppi di uomini e i due gruppi di donne dal momento che la p è sempre risultata >0.05. In pratica dai dati analizzati non è stata evidenziata alcuna correlazione statisticamente significativa tra patologie muscolo-scheletriche e inquadramento dei lavoratori nella relativa fascia di rischio.
 
Discussione e Conclusioni
L’Indice MAPO nella nostra ricerca non si è rivelato un indice di esposizione correlabile con una patologia specifica. Questo potrebbe essere spiegato con il fatto che i lavoratori della fascia a maggior rischio rispetto ai lavoratori a minor rischio, probabilmente utilizzano procedure più corrette per quanto concerne la movimentazione dei pazienti ospedalizzati e di contro si può ritenere che vi siano procedure meno rigorose da parte delle strutture e minor compliance da parte degli operatori per la fascia a minor rischio.

Parole chiave: movimentazione pazienti, sollevamento manuale dei pazienti, Indice MAPO, dolore lombare
 

Autore di riferimento   [Indice]

Simone De Sio
Dipartimento di Anatomia, Istologia, Medicina Legale e Ortopedia, Unità di Medicina del Lavoro, “Sapienza” Università di Roma