Articoli Medicina Interna - P&R Scientific
Volume 3, Numero 2
28.06.2013
L’IMPIEGO DELLE STATINE NEL PAZIENTE EPATOPATICO CRONICO
 
 
Gigante A, Di Lazzaro Giraldi G, Amoroso D, Barbano B, Dorelli B, Di Mario F, Amoroso A

Autori   [Indice]

Gigante A1, Di Lazzaro Giraldi G1, Amoroso D1, Barbano B1, Dorelli B1, Di Mario F1, Amoroso A1

1Dipartimento di Medicina Clinica, “Sapienza” Università di Roma


Available from:
http://journal.preventionandresearch.com/index.php?PAGE=articolo_dett&ID_ISSUE=738&id_article=6365

Abstract   [Indice]

Le statine sono farmaci ampiamente utilizzati nel mondo per ridurre i livelli di colesterolo ed il conseguente rischio cardiovascolare. Le linee guida cliniche dell’Adult Treatment Panel III (ATP III), che rappresentano un aggiornamento delle precedenti raccomandazioni evidence-based sulla valutazione degli effetti del colesterolo, sottolineano l’importanza della riduzione dei suoi livelli plasmatici. Il beneficio dovuto all’assunzione delle statine è non solo di tipo ipolipemizzante ma anche legato ai suoi effetti pleiotropici, come quello anti-infiammatorio. Sebbene l’epatotossicità in corso di terapia con statine rappresenti un evento raro (<2%) e spesso dose-dipendente, nei pazienti epatopatici sono stati descritti effetti avversi, anche fatali quando si utilizzano tali molecole. Gli effetti collaterali più importanti sono rappresentati da aumento delle transaminasi, dolori o debolezza muscolare, aumento dei livelli di creatinfosfochinasi, fino alla rabdomiolisi. I fattori responsabili di miopatia in corso di terapia con statine possono essere dovuti sia alle caratteristiche del paziente (età avanzata, sesso femminile, alcolismo, ipotiroidismo, malattie sistemiche, familiarità per miopatie, elevato consumo di succo di pompelmo, eccessiva attività fisica, chirurgia maggiore, ecc.) che all’interazione tra farmaci (fibrati, ciclosporina, antimicotici, macrolidi, inibitori delle proteasi, nefazodone, amiodarone, verapamil, ecc). Le statine sono inibitori del HMG-CoA reduttasi soggette ad un metabolismo epatico di primo passaggio. Infatti ad esclusione della pravastatina,  le altre molecole di questa classe sono soggette al metabolismo epatico in fase 1 mediato dagli isoenzimi del CYP 450. L’indicazione al ricorso con inibitori dell’ HMG CoA-reduttasi rimane a  discrezione del medico curante ed è sempre prudente iniziare il trattamento con basse dosi di farmaco monitorando attentamente le transaminasi. In fine è necessario porre la massima attenzione alle terapie contemporaneamente assunte dal paziente e soprattutto a quelle molecole che utilizzano un metabolismo epatico dipendente dallo stesso citocromo allo scopo di ridurre l’incidenza di interazioni farmacologiche avverse di entità moderata e severa.   
Infatti il concomitante uso di altri farmaci che sono substrati degli stessi isoenzimi (fibrati, eritromicina, immunosoppressori, ecc.) può determinare l’incremento della concentrazione di statine nel sangue e conseguentemente il rischio di miopatia. I benefici legati all’uso delle statine nel ridurre i livelli di colesterolo e prevenire la malattia cardiovascolare sono superiori al loro potenziale rischio di epatotossicità, anche nei pazienti con malattia epatica cronica. L’impiego delle statine in corso di epatopatia non rappresenta una controindicazione assoluta. Tuttavia è bene considerare che il loro impiego è sconsigliato in corso di epatite acuta e di abuso quotidiano di alcol. Il dosaggio iniziale della statina deve essere molto basso, in modo da poter monitorare, inizialmente ogni due settimane,  successivamente ogni mese, i livelli delle transaminasi.                     
È fondamentale non sottovalutare il rischio che il concomitante impiego di statine con altri farmaci possa determinare un aumento sierico degli enzimi di citonecrosi epatica e conseguentemente un incremento del rischio di miopatia.

Parole chiave: statine, epatopatia, rabdomiolisi, miopatia

Autore di riferimento   [Indice]

Antonio Amoroso
Dipartimento di Medicina Clinica, “Sapienza” Università di Roma




Commenti / Richieste di informazioni
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
  Invia