Diabete: riattivate le cellule del pancreas


Un gruppo di ricercatori italiani ha riattivato le cellule pancreatiche, dopo averle impiantate nel midollo osseo.
Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Diabetes, è stato condotto su 4 pazienti affetti da diabete di tipo 3c. Gli scienziati hanno ricostruito le funzioni del pancreas nel midollo osseo degli stessi pazienti, utilizzando le cellule endocrine del pancreas dei malati a cui era stato asportato l'organo. Il tessuto endocrino impiantato nel midollo ha attecchito ed ha riacquistato la funzionalità, dopo un periodo di circa 3 anni.
Il diabete di tipo 3c insorge nei pazienti che subiscono l’asportazione chirurgica del pancreas, con perdita quindi delle attività endocrine.
Tra queste la più importante è la regolazione del metabolismo degli zuccheri che dipende dalla produzione di insulina e glucagone. Le conseguenze sono una peggiore qualità di vita e il rischio di complicanze, anche gravi, come il coma ipeglicemico. Da qui l'importanza di una tecnica come quella testata dai ricercatori italiani, per la prima volta al mondo, che potrebbe di fatto prevenire l'insorgenza del diabete 3c.
L'uso del tessuto autologo, cioè dello stesso paziente, è un concetto innovativo che offre una nuova prospettiva terapeutica ai pazienti con malattie del pancreas.


 
Fonte: www.diabetes.diabetesjournals.org

Simone De Sio

Giovanni Rinaldi